giovedì 8 giugno 2017

RECENSIONE: COME L'ULTIMO RIGORE di Alessia Esse

Buongiorno pages
oggi una recensione tutta speciale per me, vi parlo di "Come l'ultimo rigore" il nuovo romanzo di Alessia Esse. Non è stato facile per me leggerlo, lo ammetto. Ho molto in comune con Viola, più di quanto vorrei e quando un personaggio ti somiglia così tanto, inevitabilmente lo fai tuo, in tutto e per tutto!

Titolo: COME L'ULTIMO RIGORE
Autore: Alessia Esse
Editore: Self Publishing
Genere: Romance, Narrativa
Pagine: 319
Data di pubblicazione: 30 maggio 2017
Sinossi 
Quando Viola Costa e Lorenzo Ragone hanno diciassette anni, sono convinti che il loro amore sia più forte di tutto. Lei sogna di diventare una giornalista sportiva. Lui è un calciatore forte e brillante. S’innamorano sui banchi di scuola, senza sapere che il primo amore è sì il più dolce, ma anche il più debole e il più vulnerabile. La fine della loro storia li segna entrambi, allontanandoli e rovinando la loro amicizia.
Oggi, Viola e Lorenzo non potrebbero essere più distanti. Lei, un’affermata giornalista, vive e lavora a Milano. Lui, invece, vive a Pontenero, il luogo in cui è nato il loro amore.
È lì che Viola è diretta per trascorrere un mese di vacanza, ed è lì che – nonostante l’iniziale rifiuto – riallaccerà i rapporti con Lorenzo.
In un viaggio tra presente e passato, i due giovani, ormai adulti, avranno la possibilità di ripercorrere la loro storia, e di fare i conti con gli sbagli, i rimpianti, le opportunità mancate. E con una scintilla che forse non si è mai spenta.


RECENSIONE
Capita a tutti di avere un autore che si acquista a scatola chiusa, uno di quelli per cui non ti soffermi a leggere neanche la trama, con la convinzione che quello che leggerai sarà sicuramente qualcosa di tuo gradimento. Per me questo succede con Alessia Esse. Se c’è una cosa che Alessia sa fare, è parlare d’amore. Lo ha fatto anche in questa sua ultima fatica, “Come l’ultimo rigore”. Viola Costa e Lorenzo Ragone hanno 17 anni quando si mettono insieme. Con la passione per il calcio lui, per il giornalismo sportivo lei, sono due ragazzini convinti di essere imbattibili e maturi, capaci di sconfiggere il mondo, ma come spesso accade, questa convinzione si scontra con la vita che li costringe a scelte e rinunce sofferte ma - in un certo senso - doverose. Il calcio. Il calcio sarà la costante di un rapporto che li vedrà uniti ma costantemente divisi, perché le scelte che faranno nella vita, il lavoro, la crescita personale, non sempre coincideranno con i loro sentimenti. Ed è così che si ritroveranno, una volta adulti, sulla spiaggia di Pontenero a rivangare ed esaminare un rapporto e un amore che, nonostante tutti gli scossoni e le rotture, è ancora vivo benché i due non abbiano il coraggio di ammetterlo. Nei loro racconti episodi, dialoghi, momenti che li vedono protagonisti di un rapporto di coppia complicato e spesso vittima di errori, incomprensioni, fattori esterni che inevitabilmente si ripercuotono su una relazione che stenta sempre a decollare, nonostante la grandezza di un sentimento che di sicuro provano. Eppure il destino ci mette sempre lo zampino, sempre li fa incontrare, sempre crea l’occasione per farli confrontare, quasi che l’Universo stesso tramasse affinché il loro amore non ceda.
"Perchè in questi anni ho provato ad analizzare tutto da ogni lato e non ho ancora capito com'è possibile che io e te non siamo riusciti a superare i nostri problemi. Erano sciochezze, cazzo. Erano bazzecole."
E’ riduttivo dire che ho trovato questo romanzo bello. Alessia ha creato un quadro perfetto, dipingendo l’amore in ogni sua sfaccettatura, con le sue gioie e i suoi dolori, andando a raccontare un percorso di crescita interiore che copre un arco di quasi 20 anni. E in tutti questi anni Viola e Lorenzo, tra successi personali e piccole sconfitte, costantemente si guardano indietro e tornano con il cuore a Pontenero, il piccolo paese dal quale provengono, con una valanga di “E se…”. E’ stato incredibilmente facile per me immedesimarmi in Viola perché certi “NO” di Viola sono i miei, certi suoi problemi li ho io, certe sue crisi sono le mie, a dimostrazione di come Alessia sia capace di creare personaggi incredibilmente reali. A volte ho faticato a capirli questi due, è vero. Ho pensato: “Non abbandonate! Stringete i denti… ce la potete fare! Non rinunciate”. Non mi hanno mai ascoltata. Mi hanno fatto penare, stringere il cuore e con il petto pieno di speranza sono rimasta in disparte ad osservarli, proprio come il mondo che li circonda. Un mondo fatto di gente del sud, calorosa, accorata, appassionata … perfetta! E fino alla fine ho aspettato, certa che prima o poi quella meravigliosa mongolfiera in copertina avrebbe preso il volo, intraprendendo quel lungo viaggio che è la vita. Eccezionalmente bello, incredibilmente reale.
E certi errori non sono davvero errori, ma solo tentativi andati a male. Opportunità mancate. Rigori non ancora battuti.

Dal suo sofà
la vostra 

4 commenti:

  1. Ciao Ophelie,
    questa sì che è una piacevolissima sorpresa!!! Non conoscevo questo romanzo, ma, grazie a te e alle tue parole a riguardo, rimedierò immediatamente <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky
      Alessia è una conferma, romanzo dopo romanzo! Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  2. Ciao Ophelie! Devo assolutamente leggere quest'ultimo libro di Alessia Esse, spero mi piacerà *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess
      sono assolutamente sicura che lo apprezzerai, Alessia è incredibile ^^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...