martedì 31 gennaio 2017

Recensione: "Hai cambiato la mia vita" (The Law of Moses) di Amy Harmon

Hola pages,
possibile che l'uomo ancora non ha inventato i tessuti "auto-stiranti"? Se mi guardo dietro le spalle, noto una pila non idifferente di panni da stirare che mi reclama a gran voce... PERCHE'? Ok! Accetto il mio triste destino, ma prima di iniziare una sessione di stiratura no limits, vi parlo dell'ultimo romanzo letto! ^^


Titolo: "Hai cambiato la mia vita"
Autore: Amy Harmon
Serie: The Law of Moses
Editore: Newton Compton Editori
Data di pubblicazione: 26 gennaio 2017
Genere: New Adult, Paranorml Romance
Sinossi 
Lo trovarono nel cesto della biancheria di una lavanderia a gettoni: aveva solo un paio di ore di vita. Lo chiamarono Moses. Quando dettero la notizia al telegiornale dissero che era il figlio di una tossicodipendente e che avrebbe avuto problemi di salute. Ho sempre immaginato quel “figlio del crack” con una gigantesca crepa che gli correva lungo il corpicino, come se si fosse rotto mentre nasceva. Sapevo che il crack si riferiva a ben altro, ma quell’immagine si cristallizzò nella mia mente. Forse fu questo ad attrarmi fin dall’inizio. È successo tutto prima che io nascessi, e quando incontrai Moses e mia madre mi raccontò la sua storia, era diventata una notizia vecchia e nessuno voleva avere a che fare con lui. La gente ama i bambini, anche i bambini malati. Anche i figli del crack. Ma i bambini poi crescono e diventano ragazzini e poi adolescenti. Nessuno vuole intorno a sé un adolescente incasinato. E Moses era molto incasinato. Ma era anche affascinante, e molto, molto bello. Stare con lui avrebbe cambiato la mia vita in un modo che non potevo immaginare. Forse sarei dovuta rimanere a distanza di sicurezza. Ma non ci sono riuscita. Così è cominciata una storia fatta di dolore e belle promesse, angoscia e guarigione, vita e morte. La nostra storia, una vera storia d’amore. 



Invece, le leggi esistevano. E le regole anche. Le leggi della natura e le leggi della vita. Le leggi dell’amore e le leggi della morte. Quando le infrangi, non puoi sfuggire alle conseguenze. E noi due, come tante coppie di amanti sfortunati prima di noi, e tante che sarebbero venute dopo, eravamo governati da quelle leggi, che decidessimo di rispettarle o no.

Ho sempre paura quando devo parlarvi di un romanzo che ho amato. Paura di non saper usare le parole, di non far capire, di dire troppo o troppo poco, di non saper rendere giustizia a una storia che mi ha dato tanto e che fin dal principio mi ha fatto capire che sarebbe stata molto speciale. Il carismatico protagonista di questo romanzo è Moses, un ragazzo che fin dalla sua nascita ha avuto la vita contro. Cresciuto senza genitori, ha un carattere difficile, un’anima inquieta e un dono particolare, un dono che per lui è una maledizione che lo porta a sfogarsi nella pittura. Nei suoi dipinti Moses dipinge la vita delle persone in modo meraviglioso e angosciante, ed è anche per questo che nessuno della sua famiglia lo ha mai tenuto con sé troppo a lungo.
A nessuno piace chi è come Moses, ne hanno paura, è sua nonna Katherine ad accoglierlo nella sua casa, a dargli un tetto ma soprattutto amore, quell’amore che Moses non ha mai conosciuto. Ma per lui non è un problema, a questo ragazzo spezzato la solitudine piace, è quello che cerca, è il suo scopo, è intrinseca nelle sue leggi, quelle che governano il suo mondo: “Dipingi, vattene, senza voltarti indietro. Non amare”. Ma poi arriva Georgia, irrompe nella sua vita con i suoi modi diretti, con la sua sincerità, con il suo amore, che resiste, nonostante il rifiuto di Moses, nonostante gli allontanamenti, insiste e persiste.
Perchè Georgia di pazienza ne ha e sa come usarla, lo fa tutti i giorni con i suoi cavalli, che ama tanto addestrare e cavalcare, osserva, ascolta, attende, pressa finché non chinano il capo e si arrendono a lei, e Moses capisce che per lui non c’è più scampo, perché una così come fai a non amarla? Le sue leggi sono infrante tutte. E’ riduttivo dire che ho amato questo romanzo,  dovessi spiegarvi tutto quello che mi ha fatto provare, non ci riuscirei, ve lo dico subito. La Harmon, con la sua scrittura magnetica e poetica, mi ha assorbito, trascinandomi nell’amore di Georgia e Moses, impedendomi di abbandonare le pagine di questo romanzo meraviglioso.
Questo ragazzo inevitabilmente ti lega a sé, fin dalle prime pagine, ti fa entrare nella sua vita spezzata e ti fa stare in un angolino a fare il tifo per lui, per lui e per Georgia, che con la sua faccia tosta, con i suoi modi diretti, con il suo essere ragazza prima e donna dopo, nel mentre ti entra nell’anima e ti fa pregare che non si arrenda alla vita, che non sia vittima delle circostanze, che non abbia paura di Moses, mai. In questo romanzo troverete una storia profonda e toccante, la storia di un ragazzo che ha sconfitto la morte, dipingendo la vita con tutti i suoi colori e di una ragazza che, con il suo amore, ha tenuto a bada la morte dalla vita di quel ragazzo.
Dal suo sofà
la vostra

14 commenti:

  1. Ciao^^
    quest'autrice non mi aveva particolarmente colpito nel suo romanzo Infinito +1, ma ho deciso di darle un'altra occasione. Questo romanzo mi sembra molto carino e, grazie anche alla tua recensione, mi è venuta voglia di prenderlo in considerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky!"Infinito +1" devo ancora leggerlo, l'ho scoperta da poco ma me ne sono innamorata! ^^

      Elimina
  2. Ciao Ophelie,
    anch'io ho amato questo libro e hai usato parole bellissime per descriverlo. ♥ Bravissima. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari tutti i romanzi che leggo fossero così! ♥

      Elimina
  3. Ogni volta che guardo questa cover mi sale il nervoso per non parlare del titolo. A parte questo, splendida recensione! Ho scaricato il libro e non vedo l'ora di leggerlo, spero che anche a me mi regali delle forti emozioni! Ho già letto la Harmon quindi conosco il suo stile e aspettavo questo libro da un po!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica, non dirlo a me! La cover originale è una meraviglia. Il romanzo merita davvero ^^

      Elimina
  4. Ciao Ophelie,
    sono sempre più convinta di dover leggere questo libro. Della Harmon però voglio il cartaceo perchè è un autrice che amo e voglio avere i suoi libri in libreria.
    Bellissima recensione mi hai incuriosita ancora di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Frency, sono sicura che ti piacerà. Temevo la svolta "paranormale" e invece mi sono dovuta ricredere ^^

      Elimina
  5. Amo la Harmon *.* La letto tutti i suoi romanzi ma il mio romanzo preferito in assoluto resterà SEI IL MIO SOLE ANCHE DI NOTTE, ma questo qui si aggiudica il secondo posto.
    Non vedo l'ora che venga pubblicato altro di suo :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddeo Lilì, devo dirti che forse li metterei insieme a pari merito. Di Fern ho amato la dolcezza, di Georgia ho ammirato la forza ^^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...