domenica 3 luglio 2016

Recensione: "Lui vuole me" di Ava Lohan

Buon pomeriggio paginette ^^
Allora? Smaltita la delusione per gli Europei finiti? Io ancora no, ma pazienza! La mia passione per il calcio a volte prende il sopravvento ;) 
Smessi i panni della tifosa "fantozziana" tutta birra, rutto libero e frittatona di cipolle, stamattina mi sono calata in quella della casalinga modello (#truesadstory). Quindi passaggio di panni alla lavatrice, lavatrice che con un rimpallo fa finire la scopa elettrica in fuori gioco, rimessa laterale per il mocho che con un tiro da fuori area fa GOOOLLLL!
Casa 0 - Ophelie 1 e tutti negli spogliatoi ^^
Ok, ok! Dissertazioni calcistiche a parte, faccio la seria e vi parlo dell'ultimo romanzo che ho letto! "Lui vuole me" di Ava Lohan ;)



“Lui vuole me” di Ava Lohan


Titolo: "Lui vuole me" ♥ Autore: Ava Lohan ♥ Editore: Self publishing ♥ Pag.: 372 ♥ Genere: Erotic Romance ♥ Prezzo: cartaceo: € 13,50 (e book € 2,99)
Sinossi 
Mancano diciassette giorni per prendere i voti, quando per salvare il convento mi ritrovo costretta ad accettare il compromesso del suo nuovo arrogante proprietario.
Lui vuole me, una novizia, per due settimane. Il mio corpo in cambio del convento. Questa è la sola possibilità che mi offre per non perdere la mia casa.
Ma Kegan Anderson non è come la maggior parte dei ragazzi: lui è a capo del Lust, il club privato più esclusivo e lascivo di Long Island. Ed è lì che vuole portarmi.
Kegan è abituato a vendere il suo corpo e quello dei suoi dipendenti. Non prova niente per nessuno e non va mai a letto più di una volta con la stessa persona a meno che questa non lo paghi.
In questi quattordici giorni non posso negargli il mio corpo, ma devo riuscire a preservare il mio cuore e a ignorare l’attrazione che sento per lui e ciò che mi fa provare. Perché Kegan è una bestia. E la bestia non ama, distrugge.


IL ROMANZO CONTIENE SCENE DI SESSO  

Prossimamente la storia raccontata da Kegan


Recensione
Mancano 17 giorni e la vita di Rose Davis cambierà definitivamente, la ragazza prenderà i voti e gli ultimi anni della sua giovane esistenza avranno un senso, finalmente avrà una casa e una ragione di vita, 17 giorni e si consacrerà al Signore. Tutto sembra filar liscio per lei se non fosse per l’irruzione di Kegan Anderson nel suo convento. Che ci fa il proprietario del Lust - uno dei più famosi ed esclusivi bordelli di Long Island - al Saint Claire? La risposta è tanto surreale quanto vera. 
Quel convento gli appartiene e tra 15 giorni Kegan lo venderà, a meno che una novizia non accetti di essere sua per due settimane. Ma Kegan non vuole una novizia a caso, lui vuole Rose e se lei non accetta, la conseguenza sarà la distruzione del convento per far spazio ad un hotel di lusso.
Messa all’angolo da questo bieco ricatto Rose accetterà e con quel “si”, capirà ben presto di aver dato il consenso alla sua distruzione emotiva, perché dire “SI” a Kegan equivale a dare il “Benvenuto” in casa propria al demonio. “Bestia”, è così che i dipendenti del Lust chiamano il loro datore di lavoro e non è un caso. Il suo stile di vita è quanto di più lontano ci possa essere dalla vita monastica a cui è abituata Rose, tanto è votata al bene lei, quanto dedito alla perversione lui. Un ragazzo che ha fatto del peccato il suo credo, del sesso la sua vocazione e Kegan può permetterselo. 
La sua bellezza, la sua sfrontatezza, la sua immoralità, la sua depravazione, gli consentono addirittura di fare di sé stesso un “lavoro”, visto che proprio lui è una una delle “attrazioni” più richieste del Lust, con clienti che pagano cifre da capogiro per una notte di sesso con lui. E Rose - per il bene delle sue consorelle - accetterà di convivere per due settimane in quest’atmosfera peccaminosa, alla mercé di questo ragazzo che sembra non conoscere morale. Ma il vero male per lei non sarà questo, il male verrà da qualcosa che sentirà crescere dentro di lei, giorno dopo giorno - nonostante gli ammonimenti, nonostante i segnali di pericolo, nonostante tutto - qualcosa che non potrà evitare e la travolgerà ossia l’attrazione che inevitabilmente proverà nei confronti di Kegan. Ormai spoglia della sua dignità, del suo orgoglio e di ogni sua difesa, una sola cosa potrà salvarla, Rose dovrà impedire a quell’attrazione di aprirsi un varco nel suo cuore, perché Kegan non concede e non conosce amore.
Vivere questa storia attraverso i pensieri di questa ragazza così combattuta non è stato per nulla facile. Le sue lotte interiori, le sue speranze, i suoi dubbi, si sentono tutti e assistere al crollo di quell’armatura che aveva eretto a mo’ di protezione è stato il colpo di grazia. Che Rose si sia rinchiusa in convento di certo non per vocazione lo si intuisce fin dalle prime righe, ma quello che non ci si aspetta è ciò che succede dopo e sbaglia chi crede che questo sia solo un “erotic romance” dalle tinte forti. 
Questa è una storia d'amore, l'amore che una ragazza prova nei confronti dell'ultimo ragazzo di cui dovrebbe innamorarsi, dell'unico che potrebbe frantumare il suo cuore. Ma Rose è tenace e come ogni donna innamorata non si arrende perché sa che dietro quella bestia c'è di più, DEVE esserci di più. Glielo fanno capire i gesti, gli sguardi, le frasi interrotte. Lo intuisce da tutte le volte che lui la cerca quasi non potesse fare a meno di lei, da tutte quelle occasioni in cui Kegan abbassa la “guardia” e lascia intravedere il ragazzo che è, un ragazzo che come lei ha un passato che l'ha segnato, che continua a perseguitarlo e che proprio come lei, ha fatto della “negazione” la via dell’espiazione per le proprie “colpe”. Attraverso l’ostinazione di questa ragazza, ho così avuto modo di conoscere un altro Kegan, il Kegan che ha scelto Rose non per caso, che non riesce a star lontano da lei, quello che la bestia tenta in ogni modo di far tacere ma che Rose non può fare a meno di amare… nonostante tutto! 
Davvero brava Ava Lohan. Una scrittrice che con uno stile scorrevole ed una storia piena di emozioni, è riuscita a farmi commuovere per una bestia che fa di tutto per non essere amata.


dal suo sofà
la vostra
 


3 commenti:

  1. Ahahah Ophelie sei grande! Anche io grande tifosa delusa poi ai rigori non ne parliamo e pure io lavori di casa stamattina ah quanto odio stirare! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le famose domeniche in cui ti svegli e pensi "Oggi leggo tutto il giorno"...si, come no! :(

      Elimina
  2. Ho scaricato a caso il pov di Kegan e non mi è rimasta molta fantasia di leggere quello di Rose... certo è che, bisogna ammetterlo, Ava Lohan è stata davvero brava, persino più della James! Unico peccato... troppe parolacce, ma è solo il mio punto di vista! :)
    Ciao Ophelie!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...